Solidarietà, la tradizione del “caffé sospeso” arriva in città


Il “caffè sospeso” arriva a Sant’Eraclio e lo fa allo storico bar Assuntina. Un’usanza tutta partenopea che consiste nel lasciare un caffè pagato a disposizione di chi, in mancanza di denaro, non può comprarlo. Ed è subito boom di caffè sospesi nel raggio di pochissimi giorni: si è arrivati a quota 15 tazzine. Che potranno essere bevute da chi le richiederà al bancone. “È un’iniziativa bellissima – commentano i fratelli Valentina e Nicola Ferri, titolari del bar – che non abbiamo potuto che accogliere positivamente con grande calore. Crediamo che sia importante veicolare questi messaggi positivi anche attraverso una semplice offerta di caffè”.

Servizio integrale sul Corriere dell’Umbria del 2 novembre