Tumori cerebrali, tecnica operatoria innovativa di Sandro Carletti, ex direttore della neurochirurgia di Terni – Foto 1 di 3


Una tecnica estremamente sofisticata ed innovativa per l’asportazione di tumori cerebrali è stata collaudata all’Istituto fiorentino di cura e assistenza (Ifca) di Firenze. Si tratta di un metodo che prevede l’utilizzo combinato dell’ecografo intraoperatorio neuronavigato e del neuronavigatore cerebrale, consentendo di trattare questo tipo di neoplasie in modo sempre più mininvasivo, sicuro e radicale, con tempi di recupero più veloci e più speranze per i pazienti. In sala operatoria il dottor Sandro Carletti, da poco più di un anno alla direzione della neurochirurgia dell’Ifca, che, insieme alla sua equipe composta dai dottori Alessandro Di Chirico, Elisabetta Peppucci e Matteo Rasi, in pochi mesi ha già effettuato con successo otto interventi con questa tecnica innovativa.

“Con questo metodo altamente tecnologico – spiega Carletti, ex direttore del dipartimento di Neuroscienze e della struttura di Neurochirurgia dell’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni – abbiamo potuto asportare tumori cerebrali benigni e maligni in modo più sicuro per il paziente e più radicale, con risultati importanti sia in termini di prognosi che di sopravvivenza. Senza contare che questo tipo di approccio cranico molto meno invasivo, più limitato e al tempo stesso più accurato, ha il vantaggio di ridurre i tempi operatori, il trauma chirurgico e il dolore post operatorio, diminuendo anche i tempi di degenza in ospedale e accelerando quindi il rientro a casa”. 

Leggi anche In Umbria parto eccezionale a Foligno: decimo figlio, quinto cesareo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *