Perugia, migliorano i conti del Comune: restituita l’anticipazione di cassa


Dopo sette anni di deficit sul fronte tesoreria la giunta Romizi va in pareggio. Dal 2013 il Comune di Perugia registrava una grave situazione di anticipazione di tesoreria non restituita alla fine dell’esercizio, i cosiddetti conti in rosso. Al 31 dicembre 2013 l’anticipazione ammontava a circa 22 milioni e ha raggiunto i 36 milioni al 30 giugno 2014. L’amministrazione comunale è riuscita a ottenere un primo segnale positivo nei conti bancari al 30 giugno 2019, registrando un valore attivo di 1,3 milioni. L’andamento è stato poi confermato al 31 dicembre 2019, quando i saldi attivi sono stati pari a 1,6 milioni. Il sindaco Andrea Romizi, appena insediato a Palazzo dei Priori nel giugno 2014, ha adottato “azioni volte a fronteggiare la grave situazione finanziaria operando scelte chirurgiche di riorganizzazione della macchina comunale idonee a ottenere risparmi significativi senza comprimere i servizi”, dicono da Palazzo dei Priori. In base agli ultimi dati, “la strada intrapresa per il risanamento dei conti comunali è quella giusta”, ritiene l’amministrazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *