Del Brocco (Rai Cinema): Andreatta a Netflix preoccupante colpo per Rai



Serviziocinema

Venti titoli per tornare al cinema: è il listino di 01 Distribution, divisione di Rai Cinema, presentato a stampa ed esercenti. E sul passaggio di Tinny Andreatta da Rai Fiction a Netflix, l’ad di Rai Cinema Paolo Del Brocco: «Colpo preoccupante. Impone una riflessione»

di Andrea Biondi

Riaprono i cinema in Italia, primi spettatori: non vedevamo l’ora

Venti titoli per tornare al cinema: è il listino di 01 Distribution, divisione di Rai Cinema, presentato a stampa ed esercenti. E sul passaggio di Tinny Andreatta da Rai Fiction a Netflix, l’ad di Rai Cinema Paolo Del Brocco: «Colpo preoccupante. Impone una riflessione»

4′ di lettura

Paolo Del Brocco non ci gira intorno e a precisa domanda non si tira indietro: «L’uscita di Andreatta rappresenta un brutto colpo per la Rai, è preoccupante e impone una serie riflessione». A margine della presentazione del listino 2020 Rai Cinema e 01 Distribution, l’ad di Rai Cinema commenta così l’approdo di Eleonora (Tinny) Andreatta dalla direzione di Rai Fiction alla vice presidenza delle serie originali italiani Netflix.

L’uscita dalla Rai di “lady fiction”

Da Rai fiction a Netflix. Da una delle punte di diamante di Viale Mazzini, al gigante dell’on demand. L’uscita di Tinny Andreatta ha sollevato molto interrogativi anche – spostando il discorso su un piano generale – in termini di futuro della tv tradizionale. «Sono felice a livello personale per lei, è un’amica di grande qualità e valore, sono sicuro che farà un grande lavoro anche su una piattaforma privata» ha premesso Del Brocco chiarendo poi che per la Rai si tratta di un nuovo e preoccupante abbandono dopo quello di «tanti dirigenti e direttori di valore andati ultimamente a ricoprire posizioni importanti in grandi aziende: da un lato è positivo, evidentemente la Rai è una grande scuola management, dall’altro impone una seria riflessione».

I tre nodi che rischiano di soffocare la Rai

Tre i motivi dell’uscita di Andreatta che rappresentano altrettanti motivi di riflessione. Innanzitutto «un’enorme burocratizzazione del nostro lavoro e di una complicazione infinita di lacci e lacciuoli sulla realizzazione del prodotto, regolato dal codice degli appalti come se facessimo strade e non prototipi di audiovisivo» in un mercato competitivo costellato da centinaia di piattaforme.Secondo l’ad di Rai Cinema pesa molto anche «la continua erosione delle risorse destinate ad alimentare contenuti culturali, produzione audiovisiva e centinaia di posti di lavoro che la Rai produce con i propri investimenti». Del Brocco punta quindi il dito poi su quella che definisce «la “norma delle norme”, la famosa legge sul taglio agli stipendi dei dirigenti Rai», vale a dire il tetto dei 240 milioni lordi.

Il listino 01 Distribution

Un commento, quello di Del Brocco sul caso Andreatta, che arriva a margine della presentazione del listino dei film della stagione 2020-2021 annunciato con un titolo molto esplicativo: “Ritorno al cinema”. Dopo la battuta d’arresto dovuta all’emergenza Covid-19, Rai Cinema e 01 Distribution hanno fatto di questo listino anche un segnale per la ripartenza. «Ci siamo presi la nostra giutsa responsabilità nella consapevolezza che la sala è centrale» ha spiegato Del Brocco rivendicando iniziative come quella dell’uscita di film su Raiplay in pieno lockdown, ma considerando quella come una fase: «Noi siamo per la sala, e lì torneremo a mostrare i film».

Segnale alle piattaforme

Questo tema è stato toccato anche da Luigi Lonigro, direttore di 01 Distribution e presidente nazionale dei Distributori Anica: «Abbiamo voluto dare un segnale molto forte con la scelta di non mandare su piattaforme film già usciti come quello di Gabriele Muccino e Giorgio Diritti che abbiamo tenuti assolutamente integri e intonsi per le sale e gli esercenti». Il listino 01 Distribution – con 20 titoli da agosto-settembre fino ai primi mesi del 2021 – comprende commedie, horror, biografie, teen movie, attesi film d’autore. Il tutto ereditando una produzione pre-lockdown avviata e include opere girate in quarantena (il caso di Salvatores) e film bloccati che ora sono in procinto di tornare sul set per essere ultimati (il caso di Martone ad esempio).