“Inverno duro ma ultimo della pandemia” – Corriere dell’Umbria



Coronavirus e vaccini. E’ tornato a parlarne Rino Rappuoli.  “Io vedo la situazione con più ottimismo rispetto alla maggioranza delle persone”, afferma all’Adnkronos Salute il padrè di tanti vaccini fra cui quello contro il meningococco B, chief scientist di Gsk Vaccines a Siena e professore di Vaccines Research presso l’Imperial College di Londra, coordinatore del Monoclonal Antibody Discovery (Mad) Lab di Fondazione Toscana Life Sciences, impegnato nello sviluppo del super anticorpo contro Sars-CoV-2.

 

 

Secondo Rappuoli l’inverno  che abbiamo davanti “sarà duro, ma ormai conosciamo meglio questo virus. E dalla primavera dell’anno prossimo arriveranno rimedi efficaci, in modo che il prossimo inverno probabilmente questo virus non ci sarà più”. Certo, “in estate ci si era illusi che il virus fosse scomparso, ma io ho sempre previsto che sarebbe tornato in autunno. Ora però il sistema è pronto, abbiamo esperienza e sappiamo gestire positivi e malati: non a caso i decessi adesso sono molto più bassi. Ora l’unica arma che abbiamo sono mascherine e distanziamento, che però funzionano molto bene. Allora – conclude – ricordiamo di usare la mascherina quando serve: io non la metto quando cerco funghi nei boschi, ma per il resto sì”.